Tag

, , , , ,

Volare è una delle parole simbolo della musica contemporanea Italiana, una parola che è andata oltre lo stretto e provinciale ambito della musica popolare italiana ed ha acquistato valore simbolico ed immaginifico pressoché universale.

Domenica, ancora una volta in Italia, la parola ed il concetto di volare ha trovato espressione in una manifestazione di creatività e passione che solamente Noi italiani sappiamo fare e rendere speciale … chi ha una certa concezione della vita e dei suoi valori ed ama la Musica Rock (come me) sa cosa intendo … e pertanto ieri, vedendo la diffusione in Rete delle splendide immagini e riprese di tale manifestazione, non ho potuto non avere un brivido personale e speciale, sia come amante della Musica Rock, sia perché Italiano ed orgogliosamente legato a quelle peculiarità che hanno permesso alla nostra “espressione geografica” (Copyright by Klemens Von Metternich) di avere costruito e fatto la storia e la cultura della civiltà occidentale.

Antefatto: da un anno alcuni Fan Romagnoli della Rock Band dei Foo Fighters (band guidata da Dave Grohl, ex batterista dei Nirvana di Kurt Cobain) avevano in corso l’organizzazione di un evento particolare: la richiesta esplicita e “roboante” a che la band venisse a suonare a Cesena, fatta attraverso una pseudo-supplica collettiva, musicale e virtuale.

Ecco quindi che Domenica 26 Luglio a Cesena, 1000 ragazzi (mille è un altro numero magico che definisce l’Italia e la sua storia),  Fans di ogni età e provenienza, si sono riunti all’ippodromo di Cesena e inseritisi nel gruppo dei Chitarristi, o dei Bassisti, o dei Batteristi o dei Cantanti, hanno fatto reso questo splendido omaggio alla loro band preferita. Hanno suonato e cantato live uno dei pezzi più belli e famosi della band (Learning To Fly … Imparare a Volare) — un pezzo coinvolgente elettrico che ti fa saltare e cantare e voglia di imbracciare uno strumento ed esprimerti (cosa sempre più rara di questi tempi) — con un entusiasmo ed una passione quasi dimenticata di questi tempi ed il tutto con la richiesta di essere privilegiati da una visita della band stessa mediante un concerto a Cesena.

Per chi ama il Rock … un momento emozionante, nel vedere quei visi giovani ed entusiasti e vivi e forti … un momento coinvolgente di cui l’intera scenam usicale si è accorta, grazie ai vantaggi della Rete. Tutte le riviste Musicali On-Line ed i più importanti quotidiani sono rimasti impressionati e coinvolti dalla forza di questi ragazzi italiani e … è molto bello vedere che la forza e la creatività italiana quando emergono hanno sempre il ruolo di eccellenza.

La cosa è stata poi ancora più esaltante per me se si pensa che apprezzo sì i Foo Fighters … ma in realtà non è che li ami alla follia o li possa ritenere la mia band preferita o una delle dieci band da Me preferite. Li apprezzo, ma non sbavo per loro …. ma, a voler ben guardare, questo è un ulteriore complimento e riconoscimento del merito a quello che è successo ed è stato fatto.

Infatti ciò che è stato fatto, nel suo essere … forte ed intenso … appare quindi come un segno di speranza in un futuro migliore per la nostra Italia ….. guardo i visi ed i sorrisi di questi giovani …. e sento che è stata pure la cosa giusta al momento giusto …. perché tempestivamente é arrivata proprio nel momento in cui l’Italia (e in particolare la nostra Capitale Roma) sono state oggetto di legittime e fondate … ma durissime … critiche sull’amministrazione ed il degrado. Mi piace pensare che questa sia stata una risposta voluta dal destino …. molto opportuna e capace di frenare il diffondersi o l’esasperarsi di cattivi miti e/o opinioni su Noi e la nostra patria.

Penso che ora possa e debba parlare solo la Musica … e se proprio volete, riporto sotto l’ottimo commento di Debora Dirani uscito oggi pomeriggio  sull’Huffington Post che mi trova pienamente concorde.

Un buon momento per gli Italiani di esprimersi e dimostrare al mondo chi siamo …. altro che Pizza, Mafia e Mandolini …. o Roma Capitale (lo scandalo e la sporcizia).

Per imparare a volare bisogna prima imparare a sognare con la colonna sonora giusta… Magari proprio Learn to fly dei Foo Fighters. La musica può tutto. Può anche mettere assieme 1000 persone che, arrivate da tutta Italia dopo un anno di prove, si riuniscono in un ippodromo – dove di cavalli ne trottano ormai pochi – e tirando fuori gli strumenti musicali danno vita alla jam session più bella del mondo, più bella di sempre.

Rockin’1000 è stato il concerto che è riuscito a riunire batteristi, bassisti, chitarristi e (ovviamente) cantanti che in comune avevano solo una passione: quella per i Foo Fighters. Che fossero siciliani o altoatesini, che votassero a destra o a sinistra, che tifassero per la Juventus piuttosto che per la Juve Stabia, domenica scorsa a Cesena (cuore della Romagna) non contava. Perché tutti e 1000 questi musicisti avevano un obiettivo: fare arrivare di là dall’Oceano la loro musica, che altro non era se non, appunto Learn to fly, e invitare così Dave Groll e soci a saltare su un aereo e tenere un concerto proprio lì, a Cesena.

La musica può tutto. Può regalare emozioni che ti scavano sotto la pelle e si insinuano nelle vene. Basta guardare le facce felici di questi 1000 musicisti per riconoscere la felicità che regala pizzicare le corde di una chitarra assieme a un po’ di persone…

Una volta ho scritto che la nostra meglio gioventù non è qualcosa di cui possiamo andare fieri. Oggi ritratto. Guardo e riguardo il video di Rockin’1000, canto a squarciagola stonando ogni nota e ritrovo la fiducia nel genere umano. Che se è capace di unirsi in una canzone, se è capace di mettere assieme bambini che menano su un rullante e trentenni che saltano come grilli su un giro di basso, allora, chiedo scusa del pessimismo del passato: c’è speranza per un buon mondo.

Un mondo dove la musica è gioia e chi la suona è il Prozac dell’umanità. Dove basta unirsi assieme e intonare le stessa nota per accorciare le distanze e sentirsi tutti, ma tutti davvero, parte di un enorme cuore che batte sottocassa, di uno stomaco che vibra dei bassi, e di una gola che si secca negli acuti.
Il mondo è un bel posto dove i sogni si realizzano e dove i Foo Fighters rispondono all’appello di questi 1000 musicisti e accolgono, con un Tweet, l’invito a suonare a Cesena. Perché per imparare a volare non servono le ali, serve la musica.

Annunci